CONSIGLI PER EVITARE LE GAMBE STANCHE E GONFIE

CONSIGLI PER EVITARE LE GAMBE STANCHE E GONFIE

Avere le gambe stanche e gonfie è più comune in estate, ma ci sono persone che hanno una tendenza maggiore a soffrire questo disturbo, sono:

– Chi ha familiarità con i disturbi del microcircolo

– Chi segue una cattiva alimentazione, cioè una alimentazione ricca di grassi e povera di fibre

– Rischia gambe pesanti anche chi fa lavori sedentari o, al contrario, che costringono a stare molto tempo in piedi. In entrambi i casi si favorisce la stasi del sangue nelle vene delle gambe e, di conseguenza, lo sviluppo di disturbi venosi.

Segnali che indicano un disturbo al microcircolo

– Gambe pesanti e indolenzite specialmente alla sera e dopo una prolungata permanenza in piedi

– Vene che ‘affiorano’ in superficie formando rilievi visibili sulle gambe

– Gonfiore localizzato al di sotto delle caviglie. Le gambe sono più pesanti e rigide del solito, come se fossero ‘di sughero’.

– Formicolii, prurito e crampi muscolari al polpaccio, con improvvise sensazioni di calore.

Come evitare le gambe stanche e gonfie:

Al termine di una lunga giornata faticosa, è consigliabile una doccia fredda sulle gambe e subito dopo sdraiarsi tenendo le gambe in verticale appoggiate contro il muro per circa un minuto.

Applicare quindi un gel a base di sostanze che aiutino la fisioligica funzionalità del microcircolo (tra i rimedi naturali: rusco, vite rossa, centella asiatica, come si vedrà più avanti).

Usare il gel quotidianamente – mattina e sera – previene il ristagno delle tossine e favorisce il drenaggio dei tessuti eliminando i gonfiori.

Nei casi più severi consultare il medico e fare uso di specialità farmaceutiche da usare localmente sulle vene più compromesse, solo al bisogno.
svolgere ginnastiche ‘dolci’ che prevedono camminate, in grado di riattivare la circolazione sanguigna la marcia, il jogging, la bicicletta, il nuoto e soprattutto le camminate

Un regime alimentare bilanciato è indispensabile per mantenere il giusto peso forma che, oltre a non affaticare il cuore, favorisce un’efficace azione di ritorno del sangue venoso.

È molto importante inoltre bere molta acqua e assumere alimenti che favoriscano il transito intestinale.

(Fonte: Donna Moderna)