INTOSSICAZIONI ALIMENTARI – SINTOMI

INTOSSICAZIONI ALIMENTARI – SINTOMI

In estate si sente molto di più parlare di intossicazioni alimentari perché ci sono più casi. Questo è perché il nostro corpo è più esposto alle infezioni da microrganismi (virus, batteri o parassiti) che in altre stagioni, perché le alte temperature favoriscono la loro crescita negli alimenti, e così passano al nostro sistema digestivo. Il cambio di acqua con una mineralizzazione diversa dal solito può anche favorire disturbi digestivi.

Una lieve intossicazione alimentare si può manifestare con:
– Diarrea
– Nausee
– Vomiti
– Dolore addominale.

In questi casi lievi di intossicazione alimentare, il trattamento medico spesso consigliato è di stare 48 ore senza mangiare cibi solidi. Si possono prendere liquidi o bevande preparate dal farmacista che forniscono minerali, glucosio, ecc, riposare e lentamente, se i sintomi scompaiono, introdurre gradualmente una dieta leggera.

In casi gravi i sintomi, in aggiunta a quelli sopra descritti, saranno:
– Febbre
– Crampi intestinali
– Presenza di sangue o mucosità nelle feci
– Mal di testa

Ogni persona reagisce in modo diverso alla presenza nel corpo di un virus o batterio, cioè, può darsi che l’intossicazione non sia proprio grave ma i sintomi siano seri: In qualche caso di estrema gravità si consiglia di andare subito all’ospedale o dal medico.

I batteri più comuni che possono causare l’intossicazione alimentare sono:

– Salmonella: normalmente presente negli alimenti crudi di origine animale.
– Stafilococchi: Vive nella pelle umana e nei cibi, particolarmente presente nelle salse, panna e carne.
– E-coli vive nell’intestino degli animali. Può essere presente in carne macinata e salsicce